Una notte stellata

In una notte di luna piena, sotto un immenso e splendido cielo stellato, un uomo dinnanzi ad un fuoco che scaldava il suo corpo in una solitaria valle silenziosa, decise di ricordare chi fosse, diventando una cosa sola con il fuoco e con la natura circostante, riuscì a vedere la scintilla che è dentro di lui, e ricordò di essere molto di più di un corpo fisico, ricordò di essere una parte del tutto, un essere di luce pieno d’amore per sé stesso e per tutto il creato, questo risveglio fu così dirompente che fece un patto con sé stesso, di continuare ad alimentare quella scintilla, così che essa potesse brillare per l’eternità come le splendide stelle che stavano sopra la sua testa.

La polarità perfetta

In punta di piedi

Mi avvicino a te

Cerco di non fare rumore

Non voglio disturbare

I tuoi pensieri

Che sono rivolti

Chissà dove

In uno spazio indefinito

Dove solo tu

Hai accesso

È un posto sacro

È il tuo tempio

Lo rispetto

Decido di mettermi vicino a te

A qualche passo di distanza

Mi siedo e in silenzio

Ti osservo

Ti proteggo

Tu percepisci

La mia presenza

Io lo sento

Ma non voglio entrare

Rimango qui

In ascolto

Creo il mio tempio

Il mio posto sacro

Eccoci quà

La tua polarità

La mia polarità

Che si attraggono

Che si respingono

Giocano

Si stuzzicano

Si rispettano

Infine

Si uniscono

Si amano

Si concedono

Uno nell’altro

Creando la vita

Le stelle

L’universo

L’infinito

In un esplosione

Di autentiche emozioni.

Bussa alla porta

Bussa alla porta

L’idea del presente

Che vuole mostrare

Il diamante che porta con sé

Brilla, brilla che è uno splendore

Non c’è trucco ne inganno

Il diamante è puro

Dice l’esperto

Che in passato ha goduto

Di tale bellezza

Ne ha apprezzato ogni angolo

Ogni sfaccettatura

Ogni spigolo

Ed ora vuole darti qualche consiglio…

“Quando un diamante bussa alla tua porta

Accetta il dono

Purché tu sappia cosa fare…

Se ascolti il tuo cuore

Non puoi negare

La purezza di questa meraviglia

Che porta con sé un presente

Di speranza

Da cogliere al volo”

Quindi non esitare

Prendi il diamante

E fanne tesoro

Metti da parte paure e timori

Goditi appieno questa occasione

Che possa aprire altre porte

Piene di diamanti

Che permettano alla tua vita di brillare.

La magia della notte

Resta solo la notte a farti compagnia.

In quei silenzi che cerchi isolandoti dal mondo.

Quando vuoi sentire il battito del cuore pulsare.

Quando vuoi sentire il tuo corpo, dopo che una lunga giornata lo ha estraniato da te.

Quando ti trovi in una stanza da solo, in compagnia di una flebile luce che esce da una lampada.

Resta solo la notte a farti compagnia… e tu ne sei grato.

Il buio che si manifesta e ti mostra la sua forza.

Morta è la giornata e la notte se la porta via con sé.

Eppure sorridi, non temi la notte, sai che in fondo è la promessa del giorno che presto verrà.

Allora il tuo sguardo si volta verso la luce della lampada, rimani a fissarla, quasi ipnotizzato.

E quella luce pervade la stanza, inizia a prendere forma… e si trasforma, in mille altre forme.

Ti lasci andare al sonno che ti reclama, e poco dopo…

Tu inizi a sognare… e sogni infine di posti lontani… e di persone che non sono più qui.

Lasci che la notte ti mostri la vita così come è….

Un posto autentico che merita di essere amato.

Il posto sul Mare

Le tracce che lascio sulla sabbia mi indicano da dove vengo

Si perdono all’orizzonte e mi chiedo, quanta strada ho percorso fino ad ora?

Non ricordo con esattezza questa informazione, ma sento che è da un po’ che cammino

Sorrido, e mentre sono fermo osservo il mare che si perde all’infinito

Immenso e maestoso si presenta davanti a me, le sue onde sono un lento e inesorabile infrangersi sulla spiaggia

Osservo il riflesso del sole, che da lassù si specchia nel mare, e chissà cosa penserà di se stesso!

Solitudine in riva al mare, oggi và così, mi piace dedicare del tempo a me stesso

Mi sento bene, in pace, non ho bisogno di niente e di nessuno

La mente è silenziosa, anch’essa in contemplazione di questo sacro istante, in cui il silenzio è l’assoluto padrone del palcoscenico

Quasi quasi rimango qui per sempre, ho camminato tanto, così tanto che ho scordato il tempo in cui ho iniziato il mio percorso

Forse sono arrivato a destinazione?

Beh se questa è la fine del viaggio, direi che è perfetta!

Sì, ho deciso che mi fermo qui, almeno per un po ‘

Qui dove l’infinito ha finalmente un senso … qui dove l’uomo incontra Dio

Buon inizio settimana!

Ringrazio
Riconoscente
Il vento e la pioggia
La neve e il sole
Ogni albero
L’acqua che canta
Sotto il ghiaccio
Dei fiumi gelati
Le montagne e le valli
La fredda terra
E la calda erba
La luce è l’oscurità
Le creature
La poesia, la musica
La famiglia, gli amici
Il dono e il mistero
Della mia vita
E l’eterno Tao.

– Estratto dal Tao te ching! –

Il pomeriggio non se lo fila nessuno

Tutti a parlare di quanto è affascinante l’alba del mattino.

Tutti ad elogiare la bellezza del tramonto.

Mi è anche capitato qualcuno che diceva, oh però la sera non è male.

Per non parlare del mezzodì, tutti che bramano quel momento che spezza la giornata di lavoro.

Della mezzanotte ne parlano i poeti, i filosofi e chi fa lo ore piccole, per lavoro o per divertimento.

Ma il pomeriggio?

Nessuno se lo fila, è la pecora nera della famiglia… quello che è sempre colpa sua anche quando non c’entra!

Eppure lui si impegna, a volte si fà bello, cerca di attirare l’attenzione.

Ma solo in pochi apprezzano il suo impegno.

Anzi a volte trovi quelli che dicono “pomeriggio? Ah ho sbagliato, stavo cercando la sera”.

Sono quasi sempre delusioni, eppure anche lui ha il suo bel da fare.

Non si risparmia mai, a differenza dei sui fratelli che sono più considerati, che non hanno bisogno di sbattersi più di tanto.

Incompreso, sottovalutato, quasi snobbato, che brutto karma che hai caro Pomeriggio!

Ma io sto dalla tua parte, mi piaci molto caro pomeriggio, che ne dici se diventiamo amici?

#freepomeriggio #lovepomeriggio #pomeriggioforall #piùpomeroggiopertutti

Buongiorno dalla Valle Bedretto (Svizzera)

Copiosa è scesa la neve, ovunque si è posata, la meraviglia di questo spettacolo è qualcosa di incantevole (nonostante i molti disagi che ha causato)

La Valle Bedretto (Canton Ticino) è la valle che forma il tratto iniziale del fiume Ticino dalle sue sorgenti sul Passo della Novena (2480 m) fino ad Airolo (1150 m).

Tao te ching

NUTRIRE LA PERSONA

Sotto il cielo tutti
sanno che il bello è bello,
di qui il brutto,
sanno che il bene è bene,
di qui il male.
È così che
essere e non-essere si danno nascita fra loro,
facile e difficile si danno compimento fra loro,
lungo e corto si danno misura fra loro,
alto e basso si fanno dislivello fra loro,
tono e nota si danno armonia fra loro,
prima e dopo si fanno seguito fra loro.
Per questo il santo
permane nel mestiere del non agire
e attua l’insegnamento non detto.
Le diecimila creature sorgono
ed egli non le rifiuta
le fa vivere ma non le considera come sue,
opera ma nulla si aspetta.
Compiuta l’opera egli non rimane
e proprio perché non rimane
non gli vien tolto.